indifesa-copertina

11 ottobre 2012: Prima Giornata Mondiale delle Bambine e delle ragazze

11 ottobre, 2012

Terre des Hommes è in difesa delle bambine, proteggiamole insieme.

“Prendiamoci cura delle bambine, e penseranno loro a fare il resto” Regina Rania di Giordania

Roma, 10 ottobre 2012 – In occasione della prima Giornata Mondiale per le bambine e per le ragazze (11 ottobre) Terre des Hommes porta in Italia la campagna indifesa e presenta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri il “Dossier sulla condizione delle bambine e delle ragazze nel mondo”.

indifesa nasce per garantire alle più vulnerabili salute, protezione dalla violenza e dagli abusi e soprattutto istruzione, nella piena consapevolezza che anche solo un anno in più di scuola consente di accrescere le opportunità di vita per le bambine e, nel tempo, incrementa il reddito della famiglia fino al 20% trasformandosi in prosperità per l’intera comunità.

Le bambine nel mondo continuano a essere vittime silenziose e invisibili di discriminazioni, mancato accesso all’istruzione, violenza, abusi e tratta. Secondo le Istituzioni internazionali oggi mancano all’appello più di 100 milioni di bambine non nate per l’aborto selettivo o morte di malnutrizione. 150 milioni di ragazze subiscono ogni anno nel mondo abusi sessuali, almeno nel 56% dei casi commessi da familiari. Sono circa 10 milioni le spose bambine, spesso vittime della violenza del partner. Ragazze con un basso livello di istruzione, che nel 60% dei casi giustificano i maltrattamenti subiti.

Questi sono solo alcuni dei dati contenuti nel dossier di Terre des Hommes “La condizione delle bambine e ragazze nel mondo” presentato oggi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri in occasione della Prima Giornata Mondiale ONU per le bambine.

Le discriminazioni di genere sono alla radice della particolare vulnerabilità delle bambine, a partire dalla nascita: il fenomeno dell’infanticidio e dell’aborto selettivo è ancora presente infatti in stati come l’India e la Cina e tra alcune comunità straniere in Italia. Come suggeriscono alcuni studi messi a disposizione nel dossier da Soccorso Rosa, il nostro paese, pur godendo di una legge all’avanguardia, non è esente da pratiche lesive del corpo delle bambine come le mutilazioni genitali femminili. Almeno 1.000 bambine che vivono in Italia sono a rischio.

Nel mondo le bambine sono esposte più dei maschi alla malnutrizione e all’anemia che compromettono il loro corretto sviluppo. Di contro, nei paesi più industrializzati, le ragazze sono le più colpite da disturbi dell’alimentazione come anoressia e bulimia (90% dei casi).

Il momento critico che condiziona la vita di una bambina per sempre è quello legato al proseguimento degli studi: ancora troppe ragazze non hanno accesso all’istruzione secondaria e finiscono per essere sfruttate come piccole schiave in lavori pesanti, o per sposarsi precocemente. In Africa sub sahariana questo dato è particolarmente alto: solo il 27% delle bambine prosegue gli studi oltre le elementari. Nel mondo quasi 88 milioni di bambine sono oggi costrette a lavorare, metà delle quali in impieghi pericolosi e/o pesanti.

Per prevenire e contrastare alcune tra le peggiori forme di discriminazione che colpiscono le bambine nel mondo, Terre des Hommes promuove la Campagna “indifesa” che per tre anni rafforzerà l’impegno nei progetti a favore delle bambine e quest’anno, grazie alla raccolta fondi, aiuterà le “bambine domestiche” del Perù, le “spose bambine” del Bangladesh, le “mamme bambine” della Costa d’Avorio e le “bambine salvate dall’infanticidio” in India. In Italia, grazie a un accordo di partnership con i centri Soccorso Rosa dell’Ospedale San Carlo di Milano e SBAM della Clinica Mangiagalli di Milano, Terre des Hommes contribuirà anche alla realizzazione di progetti di prevenzione degli abusi sulle bambine. “Il problema infatti è anche italiano”, dichiara Raffaele Salinari, Presidente di Terre des Hommes. “L’assenza di un vero e proprio monitoraggio degli abusi sui bambini, e in particolare sulle bambine, in Italia, è una delle questioni che Terre des Hommes ha posto alle istituzioni italiane”.

Misura della necessità di efficaci strategie di prevenzione è il Dossier “Cronache Bambine”, nato dalla collaborazione tra l’agenzia Ansa e Terre des Hommes e che rappresenta una drammatica indagine su quanto spesso le cronache italiane trattino casi di abusi e maltrattamenti verso le bambine. Nell’ultimo anno e mezzo sono state in media 6 al giorno le notizie a riguardo (3.198 in tutto). Una gran parte relative a casi di pedofilia e adescamento online (804 notizie), seguiti da violenze familiari, abbandoni, trascuratezza, ecc. Ancora, se consideriamo i 5 casi più importanti di cronaca nera sui minori, tutti riguardano storie di bambine, i cui nomi per mesi hanno affollato le testate giornalistiche: gli omicidi di Sarah Scazzi (914 notizie), Yara Gambirasio (413), Elisa Claps (304), delle gemelle Schepp (280), assieme alle notizie (46) che ancora oggi arrivano sulla scomparsa di Denise Pipitone.

Con il numero 45501 della Campagna indifesa di Terre des Hommes, attivo dall’1 al 21 ottobre, si può donare 2 Euro via SMS da cellulare TIM, Vodafone, Wind, 3, Postemobile Coop Voce e Nòverca. Si può anche donare 2 euro da rete fissa TWT e fino a 5 euro da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

Terre des Hommes da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall’abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo.

Attualmente Terre des Hommes è presente in 72 paesi con oltre 1.200 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea, l’ONU, USAID e il Ministero degli Esteri italiano. Per informazioni: www.terredeshommes.it

Fondazione Terre des Hommes Italia Onlus

per scaricare i dossier e i materiali della campagna:

http://www.indifesa.org/dossier-indifesa/

http://www.terredeshommes.it/dossier-indifesa/


Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This