gamberetti

Lavoro Minorile: 8.000 bambini con meno di 15 anni sfruttati nell’industria dei gamberetti in Thailandia, nuovo studio di Terre des Hommes

11 giugno, 2015

In Thailandia lo sfruttamento del lavoro minorile garantisce alti guadagni all’industria alimentare coinvolgendo almeno 8.000 bambini al di sotto dei 15 anni e circa 30.000 adolescenti con meno di 18 anni, per la maggior parte migranti birmani, nella sola provincia di Samut Sakhon, una delle zone dove si concentra il settore ittico. NellaGiornata Internazionale contro il lavoro minorile Terre des Hommes diffonde i risultati dello studio “Sfruttamento lavorativo dei bambini migranti nell’industria thailandese dei gamberetti”, che conta pesantemente sull’utilizzo di forza lavoro minorile per offrire un prodotto a costo competitivo per i mercati occidentali.

“Per sei giorni alla settimana e anche 10 ore al giorno, i bambini sgusciano gamberetti che finiscono sulle tavole europee, guadagnando meno di un euro l’ora”, dichiara Raffaele K. Salinari, Presidente della Federazione Internazionale Terre des Hommes. “Nell’anno dell’EXPO per nutrire il Pianeta, è necessario denunciare alcune dinamiche perverse dell’industria alimentare, come quella che abbiamo verificato in Thailandia, e porvi rimedio al più presto. La maggior parte dei piccoli lavoratori vengono dai paesi limitrofi meno sviluppati, come la Birmania, e appartengono a minoranze discriminate. Entrati in Thailandia irregolarmente, spesso non posseggono documenti d’identità e quindi sono in completa balia dei datori di lavoro, senza alcun diritto e obbligati a orari prolungati nei periodi di maggiore richiesta. A loro viene negato il diritto all’istruzione e quindi ogni possibilità di sfuggire allo sfruttamento anche in futuro. A volte le famiglie hanno dovuto pagare intermediari per arrivare in Thailandia e il debito contratto si trasforma in lavoro forzato che coinvolge anche i bambini.

Chiediamo al Governo Italiano e all’Unione Europea di fare pressione sul Governo thailandese di mettere in atto delle politiche di protezione dei bambini e di eliminare completamente lo sfruttamento del lavoro minorile, in particolare dei bambini migranti. Come importante partner commerciale della Thailandia, vogliamo essere sicuri che i gamberetti e gli altri prodotti ittici che arrivano sulle nostre tavole non siano macchiati da questa grave violazione dei diritti umani”, prosegue Salinari. “L’industria alimentare internazionale deve pretendere la conformità ai principi etici dei prodotti thailandesi, controllando tutta la filiera.

L’industria dei gamberetti è uno dei tanti settori in cui la globalizzazione ha portato alla continua ricerca di luoghi in cui è possibile produrre a un prezzo più basso senza alcun riguardo a criteri etici e ambientali. “In questo momento gli Stati Membri dell’Unione Europea stanno dibattendo l’implementazione dei Principi Guida ONU per le Imprese e Diritti Umani: auspichiamo che le normative internazionali obblighino le aziende al rispetto dei diritti umani nelle loro attività”, sostiene Salinari. “Nel frattempo i consumatori devono essere informati su come le merci che acquistano sono stati prodotte e se per risparmiare stanno negando l’infanzia a un bambino da qualche parte nel mondo. Chiediamo anche a loro di vigilare chiedendo alle aziende alimentari e alla ristorazione l’indicazione dell’origine dei gamberetti acquistati e se sono stati seguiti standard etici di produzione, senza coinvolgimento di lavoro minorile”.

Per scaricare lo studio (in inglese) "Migrant child labour in the Thai shrimp industry" (Sfruttamento lavorativo dei bambini migranti nell’industria thailandese dei gamberetti) realizzata da Terre des Hommes Germania vai alla pagina http://www.terredeshommes.it/dnload/Report_on_Migrant_Child_Labourers_and_Seafood_Processing_in_Thailands_Fishing_Industry.pdf

Qui è possibile scaricare un abstract dello studio in inglese: http://terredeshommes.it/dnload/Summary%20Shrimp-Study.pdf

Terre des Hommes da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall’abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo.

Attualmente Terre des Hommes è presente in 65 paesi con oltre 840 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea, l’ONU, USAID e il Ministero degli Esteri italiano. Per informazioni: www.terredeshommes.it

Contatti:

Raffaele K. Salinari, 329 2253773

Iris Stolz, Child Rights Expert, Terre des Hommes Germany, i.stolz@tdh.de, +49 5 41 / 71 01-132

Paolo Ferrara

Responsabile Comunicazione e Raccolta Fondi

Terre des Hommes Italia

Tel. 02 28970418

p.ferrara@tdhitaly.org

www.terredeshommes.it

Terre des Hommes Italia ONLUS

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This