Photograph: Mario Tama/Getty Images

Rio 2016: le Olimpiadi dell’esclusione

9 dicembre, 2015

Una serie di abusi dei diritti umani, direttamente e indirettamente legati ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, sono appena stati rivelati in un dossier presentato dai comitati popolari della Coppa del Mondo e dei Giochi Olimpici, a cui ha collaborato anche Terre des Hommes.

La quarta edizione del dossier ‘Mega-events and Human Rights violations in Rio de Janeiro’, lanciato in occasione dell’incontro dei dirigenti del Comitato Olimpico Internazionale (COI) a Losanna per discutere l’implementazione dell’Agenda 2020, dimostra che le moltissime violazioni dei diritti dei bambini, oltre che ad altri diritti come alla casa e al lavoro, fanno sì che le prossime olimpiadi siano lontane dai “Giochi Inclusivi” promessi dal Presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach.

La coalizione che ha prodotto il dossier ha anche preparato un video su “Rio 2016, i Giochi dell’Esclusione”

“Il Comitato dovrebbe accertarsi che le Olimpiadi del 2016 non causino altre violazioni dei diritti dei bambini e dei cittadini di Rio. È tempo che il COI dia seguito ai valori dichiarati nella Carta delle Olimpiadi”, ha dichiarato Ignacio Parker, segretario generale della Federazione Internazionale Terre des Hommes.

Il Dossier rivela tra l’altro gravi violazioni dei diritti umani riportando il fatto che molte comunità svantaggiate sono state violentemente rimosse per fare spazio alle infrastrutture Olimpiche. Il Comitato Popolare stima che almeno 4.120 famiglie sono state già sfrattate dalle loro case e 2.486 sono attualmente in tale pericolo. La maggior parte degli sfratti ha luogo in aree dove il valore fondiario è molto alto. Le abitazioni offerte come alternativa sono principalmente nelle periferie di Rio, a volte anche a 60 km dal luogo d’origine e in strutture inadeguate.

Nel nome della pubblica sicurezza, Rio de Janeiro ha messo in atto, con particolare intensità, misure di sicurezza nelle così chiamate “pacificazioni”, che sono in sostanza delle invasioni militari delle favelas. Questi interventi hanno causato molte morti, violenze da parte della polizia e violazione dei diritti umani, in particolar modo contro gli afro-brasiliani durante le operazioni e anche nelle favelas “pacificate”.

Due gravi violazioni dei diritti dei bambini sono state consumate nel contesto dei grandi eventi sportivi (Coppa del Mondo e Olimpiadi) del Brasile: violenze da parte della polizia e dell’esercito (in particolare durante le operazioni di “pacificazione”) e sfratti. Durante la Coppa del Mondo FIFA, la linea verde “Discque Denúncia” ha ricevuto 1.658 chiamate in più rispetto ai rispettivi mesi dell’anno precedente, che ha registrato 9.753 chiamate in totale. Con lo scopo di “ripulire” i luoghi turistici, ad esempio, i bambini e i giovani che vivevano per strada sono stati sfrattati. Alcuni sono scomparsi senza che gli altri sapessero dove siano andati; altri sono stati portati presso unità educative (DEGASE) che sono create per giovani delinquenti. Quelli che sono tornati da queste unità hanno riportato casi di violenza e umiliazione. A causa degli sfratti, molti bambini non possono più andare a scuola e possono diventare vittime dello sfruttamento minorile, abusi e violenze sessuali.

A proposito delle condizioni di lavoro, il Dossier sottolinea le misure repressive messe in atto dalla amministrazione della città contro venditori ambulanti causate dai diritti di esclusiva imposti da alcune aziende. Un grave caso di violazioni dei diritti umani è stato riportato dalla polizia nell’edificio di una delle ditte di costruzione del Villaggio Olimpico: 11 lavoratori provenienti da diversi stati del Brasile lavoravano in condizione di pressoché schiavitù.

Per quello che riguarda il trasporto pubblico, il comitato popolare mostra che i grandi investimenti fatti nel sistema dei trasporti sono stati distribuiti in modo non equo e ne sono beneficiari solo una piccola parte della popolazione, concentrandosi nei quartieri più ricchi della città e tagliando alcuni collegamenti con le aree più povere.

Conclusioni

Il Dossier chiude con 16 richieste da parte del Comitato Popolare che includono la fine delle rimozioni forzate e la persecuzione dei venditori ambulanti, demilitarizzazione della polizia, fine delle operazioni di “pulizia” a danno dei bambini e adolescenti che vivono per strada insieme al varo di progetti che intendano lo sport come educazione e salute e non solo affari.

Le regole adottate dal Comitato Olimpico hanno tutti i numeri per poter prevenire e rispondere appropriatamente ai rischi di violazioni dei diritti dei bambini prima, durante e dopo i Giochi Olimpici. Terre des Hommes, che ha contribuito al Dossier con il capitolo ‘Bambini e Adolescenti’ in collaborazione con l’Università di Dundee, chiede al Comitato di assicurare il rispetto dei diritti dei bambini e delle famiglie prima, durante e dopo i Giochi Olimpici di Rio 2016:

• Terre des Hommes chiede con urgenza che il Comitato intervenga a fermare gli sfratti forzati connessi con le Olimpiadi ed a prevenire le possibili violenze della polizia e la “pulizia” di bambini che vivono per strada prima delle Olimpiadi.

• A livello regolamentale, si chiede al COI di prendere un impegno pubblico perché i diritti umani vengsno rispettati, che le violazioni verranno perseguite legalmente e che si esegua un monitoraggio costante in tutte le fasi dei Giochi; e abilitare degli osservatori esterni.

• Onde prevenire future violazioni in altri eventi, Terre des Hommes chiede al COI di includere sempre i diritti umani come criterio di base nelle attribuzione delle sedi di ogni evento sportivo e come obbligo esplicito nel Contratto delle sedi dei Giochi.

Si può scaricare la versione completa Dossier a questo link

PER MAGGIORI INFORMAZIONI, CONTATTARE:

Andrea Florence

Strategic Alliance Officer

31 Chemin Franck Thomas CH-1223 Cologny/Geneva (Switzerland)

Phone +41 (0)79 938 1029

www.terredeshommes.org

www.childrenwin.org

Foto: Mario Tama/Getty Image per The Guardian

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This