loghi

TERRE DES HOMMES, CON IL PROGETTO FARO OLTRE 600 OPERATORI FORMATI SULLA NUOVA EMERGENZA MINORI MIGRANTI

26 giugno, 2012

Il 90% degli operatori sociali incontrati nel corso del progetto Faro è disorientato

Milano, 25 giugno 2012 – Le luci di FARO, il progetto di Terre des Hommes per la protezione dei bambini e ragazzi stranieri non accompagnati partito grazie al sostegno della Fondazione Vodafone Italia, non si sono spente con la fine dell’emergenza a Lampedusa.
Terre des Hommes ha rinnovato il suo impegno per un’accoglienza rispettosa ed efficace, organizzando un percorso formativo sull’assistenza legale e sociale riservato agli operatori che quotidianamente sono impegnati nella protezione dei minori migranti.

Il progetto, finita l’emergenza di Lampedusa, si e’ potuto sviluppare grazie al rinnovato contributo della Fondazione Vodafone Italia, al coinvolgimento di un altro importante partner come la Fondazione Prosolidar e alla collaborazione del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali ( C.N.O.A.S).

In sette mesi, FARO ha toccato le città di Messina, Crotone, Bari, Palermo, Napoli, Genova e, ultima tappa, Milano.
Oltre 600 operatori coinvolti nelle sessioni di formazione, tramite i quali sono state raggiunte 150 diverse strutture di accoglienza.

“Il sostegno e la tutela dei minori in difficoltà rappresenta il cuore della mission della Fondazione Vodafone Italia – afferma Ida Linzalone, Segretario Generale di Fondazione Vodafone Italia. La decisione quindi di rendere possibile il lavoro di Terre des Hommes per questo progetto e’ stata una scelta coerente e lungimirante. Non potevamo tirarci indietro di fronte all’emergenza migratoria che ha investito le nostre coste nella primavera del 2011, abbiamo scelto di offrire il nostro contributo attraverso questo progetto e siamo orgogliosi di celebrarne oggi i risultati raggiunti”
“Un altro progetto propostoci da Terre des Hommes-Italia che ha trovato il pieno ed immediato sostegno da parte della Fondazione Prosolidar – ha dichiarato Edgardo Maria Iozia, Presidente della Fondazione Prosolidar. Al dramma dell’emigrazione clandestina, nelle mani di criminali senza scrupoli, si aggiunge lo sbarco e la semi detenzione nei centri. I minori sono i più esposti e questa iniziativa giustamente intitolata Faro, perché mantiene viva l’attenzione e propone soluzioni alle autorità e agli operatori sociali. Continueremo a sostenere Terre des Hommes Italia in queste iniziative a favore dei migranti e dei richiedenti asilo”

“Dall’incontro con gli operatori- afferma Federica Giannotta di Terre des Hommes – è emersa chiara la necessità di una rete più ampia sul territorio, che sostenga lo sforzo quotidiano di chi è impegnato in prima persona nell’accoglienza. Le comunità si sentono spesso abbandonate, così come alcuni Comuni. Occorre snellire le procedure, sin dallo sbarco di questi ragazzi.”
Terre des Hommes ha cercato di dare risposta al bisogno forte, che si registra nella maggioranza degli operatori, di un maggiore supporto da parte delle istituzioni che dovrebbero essere una guida per coloro che operano, tra mille difficoltà, nell’assistenza ai piccoli migranti.

“Il limbo giuridico che avevamo segnalato a Lampedusa lo abbiamo ritrovato ancora nello scambio avuto con gli operatori. Gli operatori ci confermano che non vengono aperte le tutele e che non si conoscono le novità in materia di permesso di soggiorno. Basta pensare che il 90% degli operatori sociali incontrati nel corso del progetto Faro si è dichiarato disorientato nel trattare i temi dell’assistenza legale e sociale. Come è possibile pensare che i ragazzi siano al sicuro e protetti in queste condizioni?” dichiara Alessandra Ballerini – Avvocato consulente di Terre des Hommes.

“Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali pone da sempre particolare attenzione alle tematiche inerenti i minori. La condizione di emergenza relativa ai minori stranieri non accompagnati ha reso improcrastinabile la realizzazione di azioni specifiche volte al monitoraggio delle condizioni di accoglienza e tutela ed alla formazione degli operatori impegnati in questo specifico ambito di intervento.

Siamo convinti che la messa in rete di tutte le risorse istituzionali e non, insieme alla costruzione di relazioni centrate sul minore e sul suo ascolto, garantisca una più efficace tutela dei diritti dei minori stranieri non accompagnati.”
Terre des Hommes in previsione delle nuove emergenze sbarchi, chiede a gran voce che venga assicurata l’identificazione dei ragazzi per garantire loro da subito una protezione reale ed efficace.
Terre des Hommes ribadisce inoltre l’urgenza che si abbandoni del tutto la logica dell’accoglienza ‘temporanea’ nelle strutture ponte.

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This