violino

Un ciclo di concerti per creare un ponte di pace tra Palestina, Italia e Francia

9 marzo, 2012

Il progetto di Terre des Hommes e la scuola di musica Al Kamandjati dopo Roma va in scena a Firenze e Brescia

Prosegue oggi venerdì 9 marzo, a Firenze il ciclo di concerti del quartetto della scuola “Il Violinista” (Al Kamandjati) di Ramallah, frutto del progetto di Terre des Hommes “La Musica unisce Cisgiordania, Italia e Francia” che da tre anni coinvolge migliaia di bambini dei campi profughi per offrire loro uno strumento universale per esprimere la loro creatività, che possa superare le limitazioni dovute al contesto sociopolitico in cui sono costretti a vivere. All’organizzazione dei concerti, iniziati lo scorso 7 marzo a Roma, hanno collaborato la Scuola di Musica Popolare del Testaccio di Roma, la Scuola di Musica il Trillo di Firenze e l’Associazione e Accademia Musicale A. Vivaldi di Brescia.

Queste le date dei prossimi concerti:

Firenze: venerdì 9 marzo alle 19.00 alla Chiesa di S. Maria Maddalena dè Pazzi, Borgo Pinti 58

Carpenedolo (Brescia): domenica 11 marzo, alle 20.45 presso la sala polivalente di Palazzo Laffranchi, Piazza Martiri della Libertà 1.

Il quartetto è composto dai musicisti Ramzi Aburedwan (viola e bozouq), Ibrahim Al Frookh (percussioni), Ziad Ben Youssef (oud) e Munther Alraeel (voce), che si esibiranno in una singolare performance che con suoni, ritmi, armonie e sonorità abbatterà tutte le barriere che esistono fra le diverse etnie.

La musica è ritenuta il mezzo più efficace per favorire la comunicazione, l’aggregazione e l’integrazione fra le persone, perché valorizza le identità e le differenti caratteristiche di ogni popolo. Da qui è nata l’idea di Terre des Hommes di coinvolgere migliaia di bambini e bambine palestinesi che vivono in tre campi di rifugiati nell’area di Ramallah (Jalazone, Al Am’ari, Qalandia), dove mancano cronicamente occasioni educative d’incontro, scambio e confronto. Così è stato avviato l’insegnamento sperimentale della musica tradizione locale ed europea nelle scuole dei campi profughi e nei centri giovanili, dove i bambini possono studiare solfeggio, pianoforte, chitarra, violino, tromba, violoncello, percussioni, flauto traverso e l‘oud seguiti da insegnanti palestinesi e internazionali.

Il progetto, realizzato con il supporto dell’Unione Europea, promuove anche lo scambio culturale tra Francia, Italia e Palestina con la creazione di una rete di scuole musicali per mettere in circolo la creatività, invitando alla partecipazione, alla costruzione della propria identità, superando la diversità linguistica, culturale o religiosa.

La scuola Al Kamandjâti inizia il suo percorso nel 2002 a partire da un’intuizione di Ramzi Aburedwan, violista (medaglia d’oro al Conservatorio d’Angers, Francia) nato e cresciuto nel campo di rifugiati di Al Am’ari, nei dintorni di Ramallah. Con le sue attività promuove il diritto all’educazione dei bambini e delle bambine palestinesi che vivono nei campi di rifugiati e nei villaggi di tutta la Palestina e del Libano, con il linguaggio universale della musica. Per saperne di più:

www.alkamandjati.com

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This