indifesa

Violenza contro adolescenti, Terre des Hommes: Rimettiamo al centro l’educazione di genere come chiave per il cambiamento La ratifica della Convenzione di Istanbul vincoli al più presto l’Italia ad un efficace contrasto e prevenzione

27 maggio, 2013

La tragica morte di Fabiana, la ragazza uccisa dal suo fidanzatino, riaccende drammaticamente il tema della violenza sulle donne rendendo indispensabile e urgente mettere al centro dei prossimi passi del Governo l’educazione di genere a partire dal coinvolgimento delle più giovani generazioni, perché è proprio nell’età della preadolescenza che si formano preconcetti e discriminazioni di genere, che possono sfociare in episodi di violenza come quello di Corigliano Calabro. “Con un accompagnamento adeguato è possibile ridurre anche della metà il numero di ragazzi e ragazze che concepiscono la violenza come un modo naturale di esprimere i propri sentimenti”, sostiene Paolo Ferrara, Responsabile Comunicazione di Terre des Hommes. “Lo testimoniano i risultati scaturiti al termine dei corsi che abbiamo portato avanti con Soccorso Rosa nelle scuole secondarie di primo grado, assieme a insegnanti e genitori. Ciò ci fa credere ancora più fermamente che tra i mezzi per contrastare la violenza contro le donne, uno dei più efficaci sia proprio quello educativo. Nella stessa Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul), la cui ratifica ci auguriamo avvenga in tempi strettissimi, la prevenzione è la prima misura da attivare per promuovere il cambiamento nei comportamenti socioculturali che possono portare alla violenza sulle donne, le ragazze e le bambine.

“La ratifica della Convenzione di Istanbul rappresenta un passo fondamentale per contrastare e prevenire i troppi fenomeni di violenza che oggi vedono le donne di ogni età come vittime designate”, dichiara Raffaele K. Salinari, Presidente di Terre des Hommes. “Siamo ben consapevoli che la violenza è un segno e come tale va analizzato nelle sue complesse implicazioni e scaturigini sociali, economica e politiche; per questo, a maggior ragione, servono delle norme condivise per far fronte a questi episodi, e consentire a tutti, vittime ed istituzioni, Forze dell’Ordine ed organizzazioni internazionali in difesa dei diritti umani, di poter avere dalla loro parte uno strumento giuridico di livello internazionale che dovrà necessariamente trovare la sua traduzione in un cambiamento delle leggi vigenti anche nel nostro paese così come nel sostegno alle pratiche di prevenzione”.

Alla protezione dei diritti delle Bambine e delle ragazze è dedicata la campagna ‘indifesa’ di Terre des Hommes che da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall’abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo. Attualmente Terre des Hommes è presente in 72 paesi con oltre 1.200 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea, l’ONU, USAID e il Ministero degli Esteri italiano. Per informazioni: www.terredeshommes.it.

Per scaricare i materiali della Campagna indifesa: www.indifesa.org

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This