tdh-violenza-sui-bambini

Violenza sui bambini: proficuo l’intervento di nuovi attori, ma inutile comunicare dati improvvisati e primati inesistenti

17 maggio, 2016

Terre des Hommes storicamente impegnata nel contrasto alla violenza all’infanzia, da oltre un quinquennio lavora a fianco di medici pediatri ed esperti del settore sanitario per creare rete e individuare strategie funzionali alla prevenzione della violenza sui bambini

Dal moltiplicarsi di annunci sulla formazione di pediatri e reti di ospedali, sembra che il settore medico stia finalmente prendendo coscienza che il maltrattamento sui bambini è un fenomeno di dimensioni purtroppo ragguardevoli – come Terre des Hommes ha contribuito a dimostrare con varie indagini e studi – e come tale vada combattuto con le armi della prevenzione e della formazione professionale. “Questo non era per niente scontato solo cinque anni fa, quando Terre des Hommes ha iniziato – prima organizzazione in Italia – una collaborazione con il mondo dei medici e delle loro rappresentanze con l’obiettivo di costruire insieme strumenti per migliorare la capacità di intercettare e arginare il fenomeno”, dichiara Federica Giannotta, responsabile Progetti Italia di Terre des Hommes.

Nel 2015, Terre des Hommes ha realizzato la prima fotografia certa della dimensione epidemiologica della violenza sui bambini  attraverso l’Indagine condotta insieme a Cismai per l’Autorità Garante Nazionale per l’Infanzia. Attraverso l’analisi di un campione statisticamente rappresentativo di Comuni Italiani, l’Indagine ha rilevato che oltre 91mila minori sono a carico dei servizi sociali perché vittime di maltrattamento. Cifra notevolmente superiore rispetto ai dati (70-80 mila vittime) diffusi nei giorni scorsi. Dati che rischiano di sminuire la reale portata del fenomeno.

“Il nostro lavoro in questi anni ha portato alla luce, inoltre, diverse carenze sia d’informazione sia di formazione in materia di violenza sui bambini da parte di pediatri e medici di famiglia. Carenze che sono state rilevate con uno specifico dossier – aggiunge Federica Giannotta -. Per questo, assieme a uno dei centri più all’avanguardia nel campo, l’SVSeD di Clinica Mangiagalli di Milano, abbiamo realizzato il primo Vademecum per l’orientamento di medici e pediatri nella gestione dei casi di maltrattamento o sospetto maltrattamento sui minori”.
Da questo primo strumento è poi seguita l’organizzazione del Primo Corso di perfezionamento in Diagnostica del Child Abuse in collaborazione con la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano e l’Ordine dei Medici, le cui prime due edizioni hanno avuto più richieste d’iscrizioni di quanti fossero i posti disponibili. Di questo corso Terre des Hommes è  promotrice, avendo promosso la messa in rete e il dialogo tra i migliori specialisti nel campo che hanno permesso la costruzione di un percorso di studi multidisciplinare sul tema, unico nel suo genere.

Nell’ultimo biennio Terre des Hommes ha promosso l’attivazione della prima rete delle eccellenze ospedaliere che al proprio interno dispongono di equipe specializzate nella diagnostica e cura dei bambini vittime di violenza. Rete che oggi, grazie al supporto della Fondazione, permette lo scambio di best practice tra gli ospedali e la costruzione di progettualità condivise.

La rete è supportata da Terre des Hommes grazie ai fondi della  Campagna “Invisibile agli Occhi”, per le attività di assistenza alle vittime e di raccolta ed elaborazione dei dati. I centri sono: SVSeD – Soccorso Violenza Sessuale e Domestica (Clinica Mangiagalli) di Milano, Ambulatorio BAMBI (Ospedale Regina Margherita) di Torino, Centro Regionale per la Diagnostica del Bambino Maltrattato (Azienda Ospedaliera) di Padova, Progetto GIADA – Gruppo Interdisciplinare Assistenza Donne bambini Abusati (Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII) di Bari, Progetto “GAIA” – Gruppo Abuso Infanzia e Adolescenza (Ospedale Meyer) di Firenze.

Ultima iniziativa in ordine di tempo, la prima Campagna Nazionale per la prevenzione della Shaken Baby Syndrome, forma di violenza che colpisce i neonati, ancora troppo poco conosciuta, i cui danni possono essere permanenti per il bambino. Grazie alla collaborazione con SIN Società Italiana di Neonatalogia e SVSeD Terre des Hommes ha distribuito depliant informativi e poster a tutte le 700 neonatologie di Italia, primo esempio concreto di prevenzione su questo delicato fenomeno.

Un lavoro importante di rete che continuerà nei prossimi anni e che, a dispetto dei grandi proclami e delle grandi cifre messe in campo da alcune aziende farmaceutiche, punta all’innovazione continua, al coinvolgimento di tutti gli attori e a risultati duraturi nel tempo che rendano i pediatri, e i medici in generale, sempre più capaci di alzare le antenne contro la violenza sui bambini.

Terre des Hommes da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall’abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo.

Attualmente Terre des Hommes è presente in 68 paesi con oltre 870 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea, l’ONU, USAID e il Ministero degli Esteri italiano.

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This