awarness_02

Smentire le voci

5 agosto, 2014

Il Libano ospita ad oggi 1.1 milioni di rifugiati siriani registrati. Tuttavia, secondo alcune stime ufficiali, ci sono circa centomila siriani non registrati nel paese. Spesso queste persone evitano di registrarsi come rifugiati perché risiedono in Libano da tanto tempo, anche da prima che la guerra iniziasse. Altrettanto spesso però, non lo fanno per sfiducia verso le organizzazioni umanitarie o per mancanza di informazione.

 

Per porre rimedio a questa situazione, UNHCR e Terre des Hommes Italia organizzano periodicamente delle sessioni informative nelle municipalità libanesi per siriani non registrati. L’obiettivo è “spiegare ai rifugiati più diffidenti, l’importanza della registrazione e allo stesso tempo, capirne le motivazioni”, spiega Marc El Hajj, impiegato del dipartimento di protezione di UNHCR nonché uno dei responsabili dell’attività.

 

Durante il mese di giugno sono state tenute sei sessioni nella regione del Monte Libano, alle quali hanno preso parte più di 550 persone. La chiave per il successo di queste sessioni è l’interazione diretta e sincera tra il personale di UNHCR e Terre des Hommes e le persone assistite. Solitamente è così. “I partecipanti presentano i loro dubbi ma anche le loro lamentele o paure”, spiega Samah Halwani, responsabile delle sessioni per Terre des Hommes Italia. Fanno sentire la loro voce e lo staff umanitario prende nota.

 

È stato così a Mtein, nel distretto di El Mten: si sono presentate 65 persone, praticamente tutte non registrate. Un signore racconta che la sua famiglia ha perso i documenti d’identità e chiede se però sia possibile registrarsi ugualmente. È una delle domande più abituali, tante cose rimangono indietro durante la fuga, anche i documenti. Il portavoce di UNHCR risponde che anche coloro che sono senza documenti possono richiedere la registrazione. Il processo però è più lungo perché sono necessarie più interviste.

 

Un altro degli argomenti che più preoccupa i siriani attualmente è la voce secondo cui UNHCR condividerebbe il suo database di rifugiati con il governo libanese. Diversi giornali locali hanno pubblicato informazioni poco chiare a tal proposito da quando, a inizio giugno, l’esecutivo libanese ha chiesto a UNHCR di ritirare lo status di rifugiati a tutti quei siriani registrati che si recano regolarmente in Siria. “Tutta le informazioni raccolte da UNHCR sono confidenziali”, spiega Marc. “Non condividiamo il nostro database con nessuno”. Sulla richiesta di ritirare lo status di rifugiato, gli impiegati di UNHCR rassicurano: “Nessuno viene cancellato automaticamente. Studiamo uno ad uno tutti i casi per i quali il governo ci fa rapporto”. “Ci sono molte false voci”, raconta Samah, “anche quella secondo cui dopo la registrazione, non è più possibile rientrare in Siria”. L’idea di queste sessioni è di fare chiarezza una volta per tutte.

 

Alle sessioni assiste più meno lo stesso numero di donne e di uomini. La parità di genere è una richiesta specifica di UNHCR. “Le sessioni ci servono anche per mettere al corrente le donne dei servizi a loro disposizione in caso siano vittime di violenza”. Per questo motivo, sono stati approntati dei centri di protezione ed anche una linea telefonica in funzione 24 ore su 24.

 

Rasmiya si sente soddisfatta dopo la sessione. È vedova e madre di quattro figli. “Mi sento più sicura adesso. Se dovesse succedere qualcosa, so dove andare”. Lei inizierà il processo di registrazione per poter iscrivere a scuola due dei suoi bambini, in età scolare. Anche la valutazione delle sessioni da parte di UNHCR è positiva. “Molta gente, dopo le sessione informativa, contatta Terre des Hommes per iniziare la registrazione”, spiega Marc. Attualmente, UNHCR in Libano registra 2.300 nuovi rifugiati al giorno mentre il tempo di attesa tra il momento in cui si fa domanda di registrazione e l’appuntamento per le interviste è di 27 giorni: in questo momento ci sono 48.000 persone che aspettano di essere registrate. Terre des Hommes partecipa a questo processo con progetti di informazione, intermediazione e trasporto dei rifugiati per la registrazione

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This