foto-global

Basta alla detenzione dei minori migranti, sì all’apertura di corridoi sicuri e permanenti per il movimento dei migranti

15 maggio, 2014

“L’appello di Ban Ki-moon alle nazioni di tutto il mondo di cooperare per creare dei canali sicuri e permanenti per il movimento dei migranti segna un grosso passo in avanti nella difesa dei diritti umani, in un mondo in cui una persona su tre rischia di essere costretta a lasciare le proprie case, il proprio paese e cercare una vita migliore altrove”. Così si è espresso Ignacio Packer, Segretario Generale della Federazione Internazionale Terre des Hommes, commentando i risultati del Forum Globale su Migrazione e Sviluppo (Global Forum on Migration and Development – GFMD) che si sta tenendo in questi giorni (14-15 maggio 2014) a Stoccolma.

 

“Diversamente dal passato ho visto una grande concretezza, le recenti stragi nel Mediterraneo hanno avuto un riflesso immediato sulle discussioni avviate al Forum”, continua Ignacio Packer. “Tre anni fa il problema della detenzione amministrativa dei migranti, compresa quella dei minori, non veniva quasi mai menzionato. Adesso, grazie anche al lavoro costante di interlocuzione con le istituzioni internazionali delle organizzazioni non governative più impegnate nella tutela dei diritti umani, come Terre des Hommes, sono riuscite a fare inserire nell’agenda politica questo tema.

 

A Stoccolma Ban Ki-moon si è detto particolarmente preoccupato riguardo alla detenzione amministrativa dei minori migranti, ribadendo che azioni di questo tipo possono avere un impatto negativo sui diritti dei migranti. “La società civile deve continuare a spingere per far sì che l’Agenda per lo Sviluppo Post 2015  – quella che seguirà gli Obiettivi del Millennio, di cui si tireranno le fila l’anno prossimo – includa azioni concrete per risolvere problemi specifici come il mancato accesso ai servizi dei minori stranieri non accompagnati, il ricongiungimento familiare e la loro detenzione nei centri per migranti”. “Noi seguiremo passo passo questo processo con la nostra campagna Destination Unknown” per la protezione dei bambini migranti (children on the move) nel mondo in fuga da guerre, povertà e violenze, che secondo i dati più recenti sono quasi 35 milioni (fonte UN).

 

L’edizione di quest’anno del Forum Globale ha visto la partecipazione di 900 partecipanti in rappresentanza di 145 governi e organizzazioni della società civile, giunti per discutere sulle potenzialità di sviluppo grazie all’apporto dei migranti.

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This