blog

Schiave anche dal Bangladesh per ISIS

6 ottobre, 2015

Schiave anche dal Bangladesh per ISIS
La riduzione in schiavitù di ragazze e giovani donne (soprattutto Yazide) e le violenze sistematiche sono – purtroppo – una prassi molto diffusa nei territori conquistati dall’Isis. Ma le schiave del sesso non vengono solo dalle provincie settentrionali dell’Iraq e della Siria. Paesi come il Bangladesh e il Nepal (reso ancora più vulnerabile dal terremoto di aprile) sono veri e propri terreni di caccia per gli emissari dello Stato Islamico che “contrattano” l’acquisto di ragazze da spedire in Medioriente.
La notizia è emersa all’indomani dell’omicidio di Cesare Tavella, il cooperante italiano ucciso a Dacca lo scorso settembre, la cui morte è stata prontamente rivendicata dall’Isis. L’uomo lavorava per una Ong olandese impegnata soprattutto nelle aree rurali a beneficio dei contadini e, in modo particolare, delle donne.
Secondo quanto riferisce l’emittente francese RFI – Radio France International, emissari dell’Isis si troverebbero in Bangladesh proprio per gestire questa tratta, che coinvolgerebbe migliaia di giovani donne.


Per saperne di più

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This