(c) Marzia Ferrone

America Latina: 350 casi di violenza sessuale al giorno su minorenni

26 giugno, 2018

L’America latina è considerata la regione più violenta del mondo. Come sottolineato recentemente da UNICEF lo è in particolare nei confronti dell’infanzia, la fascia più debole e vulnerabile della società. Quando si è una bambina o un’adolescente latinoamericana questo significa affrontare, per età e condizione di genere, un rischio permanente di soffrire abusi e violenza.

Differenti analisi coincidono nello stimare in 500 casi al giorno i numeri della violenza sessuale nei paesi latinoamericani. Almeno 180 mila abusi ogni anno. Oltre il 70% sono violenze commesse nei confronti di bambine e adolescenti, perché più vulnerabili e meno capaci di difendersi in caso di stupri. Le conseguenze sono devastanti. In particolare sono due gli effetti concreti specificamente sofferti da bambine e adolescenti: le gravidanze precoci e le unioni forzate.

Un terzo delle gravidanze in America latina sono portate avanti proprio da ragazze con meno di 18 anni, nel 20% dei casi le vittime hanno addirittura meno di 15 anni. Secondo i dati delle Nazioni Unite, rispetto alla media mondiale delle gravidanze precoci (51/1000) tra le ragazze latinoamericane di 15-19 anni il dato è 75/1000, pari al 50% in più. Nessun paese latinoamericano risulta essere sotto il livello di 51/1000. In media tra il 15 e 25% delle ragazze che vivono nei paesi latino americani partoriscono prima dei 18 anni, superando persino le percentuali esistenti nei paesi africani.

In centro e sud America le baby mamme appartengono alle fasce più povere, con minor livello educativo, e vivono nelle zone rurali. Oltre a provocare una serie di conseguenze nefaste sull’integrità psicologica e fisica delle ragazze, le gravidanze precoci contribuiscono a rafforzare il circolo vizioso della povertà che si trasmette di generazione in generazione, perché interrompono quasi sempre la possibilità di continuare gli studi, limitano o rendono impossibile l’accesso a nuove opportunità per migliorare le condizioni di vita.

La situazione è ancora più complessa perché nella grande maggioranza dei paesi dell’America Latina l’aborto è illegale, o in pochi paesi ammesso solo in caso terapeutico. In questo modo gli aborti delle ragazze tra i 15 e 19 anni (670 mila ogni anno secondo i dati delle Nazioni Unite) vengono effettuati da operatori illegali in maniera insicura, mettendo a rischio la vita delle pazienti.

Oltre alle gravidanze non desiderate, una condizione altrettanto drammatica relazionata con la violenza sessuale è quella dei matrimoni o unioni precoci di bambine e adolescenti con uomini che le superano per età. Queste unioni precoci non sono mai una scelta libera da parte della bambina o adolescente che non ha la sufficiente maturità, coscienza e libertà di giudizio per dare il suo consenso in maniera responsabile e quindi si possono considerare dei veri e propri abusi.

Il matrimonio precoce ha effetti psicologici, fisici, emotivi profondi, che portano la bambina o l’adolescente a vivere in una condizione di servitù domestica o sessuale, dovendosi assoggettare alle condizioni imposte dal marito o dal compagno, che è generalmente di molti anni più vecchio ed esercita un ruolo dominante da un punto di vista culturale, economico e sociale. Le vittime soffrono quindi una condizione di esclusione ed isolamento, rinunciando alla realizzazione delle proprie aspettative per il futuro.

Mauro Morbello, delegato di Terre des Hommes Italia in Perù

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This