Credit, Unicef

Cinque cose da sapere sui matrimoni precoci

31 gennaio, 2017

Quello che si è appena concluso è stato un anno ricco di ricerche sul fenomeno dei matrimoni precoci. Ecco cosa abbiamo imparato.

1. I matrimoni precoci sono un fenomeno globale
“Quali sono i Paesi maggiormente caratterizzati da questo fenomeno?”. I dati Unicef 2016 rivelano che i matrimoni precoci spesso si verificano in Paesi di cui si parla meno frequentemente. Alcuni degli Stati in cui questo fenomeno si registra con numeri altissimi sono degli “insospettabili”: Brasile e Messico in Sudamerica, Indonesia, Filippine e Thailandia nel Sud-Est asiatico e Iran.
Inoltre, le spose bambine aumentano nelle situazioni di crisi umanitaria, ma la risposta resta inadeguata. Una ricerca condotta dalla “Women’s Refugee Commission” in Etiopia, Libano e Uganda evidenzia come il matrimonio precoce venga visto come un modo per proteggere le bambine e, al tempo stesso, alleviare le difficoltà economiche della famiglia.

2. I matrimoni precoci non si celebrano solo tra ragazze molto giovani e uomini molto anziani
La buona notizia è che i matrimoni tra le ragazze con meno di 15 anni stanno diminuendo in molti Paesi. Al contrario, però, i matrimoni tra le ragazze di 16-17 anni sono in aumento. Un recente report di Human Rights Watch Nepal denuncia l’aumento della pratica dei “love marriage”: matrimoni celebrati tra adolescenti che scelgono questa forma di unione per sfuggire a un matrimonio forzato.

3. I matrimoni precoci aumentano il rischio che le ragazze contraggano l’Hiv
Nel 2015, sono state almeno 7.500 le ragazze che hanno contratto il virus dell’Hiv. Inoltre, un nuovo studio su matrimoni precoci ed Hiv ha evidenziato alcuni fattori che aumentano il rischio di contagio per le ragazze. Ad esempio il fatto che i partner più anziani abbiano avuto più partner in passato, la scarsa propensione degli stessi a usare contraccettivi, l’impossibilità per le ragazze di contrattare le proprie esigenze. Ultima, ma non meno importante, l’impossibilità ad accedere a servizi di salute sessuale.

4. L’impatto economico dei matrimoni precoci è molto più rilevante di quanto pensassimo
La Banca Mondiale e l’International Center for Research and Women hanno dimostrato che – oltre a tutte le gravi conseguenze sulla salute, l’educazione e il benessere delle ragazze – i matrimoni precoci hanno un impatto molto più profondo. Quello economico include i costi per il sistema sanitario, la perdita di potenziale umano e il protrarsi della povertà.

5. Nuove strategie per combattere i matrimoni precoci continuano a essere sperimentate

In questi anni vengono messi a punto nuovi metodi per combattere i matrimoni precoci
– In India, il progetto “Apni Beti Apna Dha” che prevedeva il trasferimento di risorse economiche alle ragazze è stato utile per incrementare la frequenza scolastica fino ai 14 anni, ma non ha avuto effetti sul matrimonio precoce. Servono interventi complementari per migliorare la qualità dell’istruzione e convincere le famiglie a tenere le figlie sui banchi di scuola più a lungo
– In America Latina e nei Caraibi, l’aumento dell’età minima per il matrimonio in diversi Paesi, unita al rafforzamento della normativa per proteggere i bambini ha prodotto buoni risultati
– Il progetto “Balika” in Bangladesh ha dimostrato l’importanza dell’empowerment delle ragazze per ritardare il matrimonio e concentrarsi sul miglioramento degli altri aspetti delle proprie vite.

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This