aya abo sowaid2 (1)

Da rifugiata a pediatra? Aya scommette di sì!

8 giugno, 2018

Aya aveva 4 anni quando assieme alle sue 8 sorelle e ai suoi genitori è fuggita dalla Siria in guerra. “Prima di partire passavo le mie giornate giocando con le mie sorelle e i miei cugini nel cortile della casa dei miei nonni”, racconta. Oggi ha 10 anni, vive in Giordania e per la prima volta nella sua vita quest’anno è potuta andare a scuola. “A quel tempo mio padre stava costruendo la nostra casa e quindi abitavamo temporaneamente dai nonni. Quando finalmente è stata completata eravamo felicissimi e ci siamo trasferiti con mille sogni. Poche settimane dopo è scoppiata la guerra. Io ero piccola e non capivo perché dovevamo andare via di corsa, non volevo lasciare quella bella casa e la mia nuova cameretta!

La famiglia di Aya inizialmente si è rifugiata a Irbid, la città giordana più vicina al confine con la Siria. Dopo qualche mese i genitori si sono resi conto che l’affitto era troppo alto e si sono spostati ad Aqaba, l’unica città costiera della Giordania, dove le case costano meno. Fino ad 8 anni Aya è rimasta a casa, senza poter frequentare la scuola, perché i suoi genitori non se lo potevano permettere. “Ero molto triste perché avevo sempre sognato di andare a scuola e fare nuove amicizie”.

I bambini siriani rifugiati in Giordania spesso non frequentano la scuola perché a causa della guerra hanno accumulato un enorme ritardo nei programmi didattici che difficilmente può essere colmato. Per questo progetti come “Back to the Future” sono essenziali per far recuperare il tempo perduto e dare una possibilità a questi bambini. Aya, grazie al progetto portato avanti da Terre des Hommes Italia e Terre des Hommes Olanda, assieme ad AVSI e War Child Holland cofinanziato dal Fondo europeo Madad, sta ricevendo un aiuto personalizzato con lezioni di recupero che le hanno permesso di iscriversi a scuola e buttarsi a capofitto sui libri. Nonostante gli anni di scuola persi, impara molto rapidamente. Gli insegnanti cercano d’incoraggiarla e comincia ad avere buoni voti. “Mi dispiace solo che in un esame ho avuto 9,5 su 15”, racconta ridendo. “Ma stavo molto male nei giorni precedenti e non mi sono potuta preparare come volevo”. Aya desidera diventare pediatra e, vista la grinta che la contraddistingue, possiamo scommetterci che ci riuscirà!

In Giordania molti bambini siriani e giordani rischiano di abbandonare la scuola senza completare nemmeno il ciclo obbligatorio. Nelle famiglie più povere l’istruzione diventa un lusso. Se un bambino non va bene a scuola, spesso viene indirizzato al lavoro in modo che possa contribuire al magro bilancio familiare. Molte ragazzine vengono date in sposa a uomini benestanti, con la speranza che vengano protette da povertà, abusi e sfruttamento. Ma un matrimonio precoce è sempre una costrizione contraria ai diritti umani.

Con l’aiuto di Back to the Future Aya e i suoi compagni potranno studiare e mettere le basi per un futuro più promettente. Nella sola Giordania abbiamo aiutato a far tornare a scuola più di 8.500 bambini, fornendo servizi di recupero scolastico e ristrutturando molte aule che versavano in condizioni disastrose. In questo modo anche molti bambini giordani potranno godere del diritto allo studio in ambienti salubri e attrezzati al meglio per le loro esigenze.

#EUTF4Syria #EU4Youth #EUMadad

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This