foto Sara

Imparare a partecipare

22 febbraio, 2022

La scuola non è solo un posto dove si impara a leggere e scrivere. Va molto al di là di questo. È un luogo dove si rafforza la fiducia in se stessi e dà ai bambini il coraggio di partecipare, socializzare ed esprimersi.

Sono storie come quella di Sara, 5 anni, che ne sono la dimostrazione. La sua famiglia viene dalla Siria e adesso vive a Byblos, in Libano. Fino ad un anno fa la bimba non era mai andata in un asilo o in una scuola materna perché i genitori non ne potevano sostenere la spesa e quindi restava a casa con la mamma.

Quando la madre ha saputo che poteva iscrivere gratuitamente la figlia al centro di educazione per la prima infanzia del progetto Back to the Future non ha perso tempo. Tuttavia all’inizio per la bambina è stato molto difficile integrarsi. Sull’autobus che la portava al centro non interagiva mai con i compagni e lo stesso succedeva in classe, durante le pause per la merenda, nelle attività ricreative, lei restava sempre in disparte e non parlava.

All’inizio Sara non voleva nemmeno dire il suo nome quando tutti si presentavano in classe”, spiega una maestra. “Con il tempo e con un sostegno extra da parte delle insegnanti, ha iniziato a partecipare di più, e adesso non ha nessun problema per alzare la mano se vuole rispondere o fare domande, o addirittura andare alla lavagna. È incredibile i passi avanti che è stata in grado di fare“.

Sara era molto timida e prima che iniziasse ad andare al centro non voleva uscire o andare da nessuna parte se io non ero accanto a lei. Ora è più coraggiosa e sicura di sé“, ha detto sua madre che ha anche partecipato alle sessioni di sostegno psicosociale per i genitori. “Non devo mai svegliarla e spingerla a prepararsi per andare in classe, si alza sempre presto, si prepara e aspetta l’autobus con ansia“. Questo è il primo obiettivo del programma educativo Back to the Future: offrire ai bambini in situazione di vulnerabilità un ambiente protettivo e inclusivo per permettere loro di dispiegare le loro potenzialità e favorirne il percorso scolastico.

Back to the Future (Ritorno al Futuro) è un progetto finanziato dal Fondo Fiduciario Regionale dell’Unione Europea in risposta alla crisi siriana (Fondo MADAD) che mira a fornire un ambiente protettivo e attento a oltre 16.955 bambini vulnerabili rifugiati e delle comunità ospitanti, garantendo le attività extrascolastiche per 5.380 bambini e indirizzando 350 bambini con difficoltà di apprendimento ai servizi specializzati. Inoltre al progetto beneficiano in maniera indiretta 12.200 studenti tramite la modernizzazione di 18 scuole pubbliche e 4 centri di apprendimento in Libano. Infine favorisce l’impegno comunitario, rivolgendosi a 4.245 assistenti in materie come attività educative e tutela dei minori.

Il progetto viene implementato in tutto il Libano da un consorzio composto da 3 ong: oltre a Terre des Hommes, AVSI e War Child Holland.

#BackToTheFuture #EducationForAll #EUMadadFund
#EarlyChildhoodEducation #EUTFSyria

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This