(c) Joana Choumali

Je suis, j’étais, je serai…

4 luglio, 2017

Io sono, io ero, io sarò”: la ricerca della propria identità, nel passato e nelle aspettative per il futuro, può aiutare le ragazze più vulnerabili a superare momenti difficili e riacquistare stima in sé stesse. Questa l’idea che sottostà al progetto portato avanti in Costa d’Avorio da Terre des Hommes con la collaborazione della Comunità Abele di Grand Bassam, dedicato a 25 ragazze – quasi tutte minorenni – con esperienze alle spalle di abbandono della famiglia e della scuola, sfruttamento (anche sessuale) e violenza. Le ragazze erano già seguite dallo Spazio Mères Filles che abbiamo contribuito a rendere funzionale all’interno del complesso polivalente del Carrefour jeuensse di Grand Bassam, da sempre luogo di ritrovo e di fervore attivo, creato e animato dalla Comunità Abele nel lontano 1985.

Grazie alla nota fotografa ivoriana Joana Choumali è stato costruito un percorso artistico/fotografico che le ha coinvolte in una serie di sedute di posa per ritratti in abiti tradizionali. A partire da qui le nostre adolescenti sono state invitate a riflettere, con il sostegno degli educatori, sul concetto di bellezza nel tempo, sulla loro identità, sui loro sogni per il futuro. In seguito loro stesse, hanno creato delle opere collettive attraverso un collage delle loro immagini, dando vita a quattro ritratti di ragazze “immaginarie” ma assolutamente reali per quanto riguarda il loro vissuto che è poi un compendio delle loro storie e un’immagine del loro quotidiano.
La mostra delle loro opere accanto agli scatti di Joana Choumali è stata inaugurata il 29 giugno nel Centro Culturale Francese di Abidjan e rimarrà aperta fino al 12 luglio 2017, con il patrocinio di ONU Femmes e dell’Istitut Français Côte d’Ivoire.

Vedere queste ragazze “del ghetto” esporre le loro opere a fianco di un’artista di fama internazionale in uno spazio così prestigioso è stata un’esperienza dal valore inestimabile.
Durante l’inaugurazione della mostra Awa, una delle ragazze del progetto, è stata intervistata dalla radio nazionale ivoriana. Alla domanda del giornalista su cosa Terre des Hommes e la Comunità Abele avessero apportato loro con questa iniziativa, ha risposto: «Ci hanno fatto capire che siamo importanti!».

L’obiettivo del progetto è quindi stato in parte raggiunto… si tratta adesso di continuare e dare solidità a questa nuova presa di coscienza del proprio valore e ruolo nella società, attraverso azioni e programmi specifici, tanto collettivi come individuali, diretti a fare di queste ragazze finora ai margini, delle protagoniste mature e consapevoli dell’avvenire proprio e della comunità di cui fanno parte.

Alessandro Rabbiosi – Delegato Terre des Hommes Italia in Costa d’Avorio
Leone De Vita – Direttore della Comunità Abele di Grand Bassam (Progetto ivoriano del Gruppo di Abele di Torino)

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 57 MI
IBAN IT53Z0103001650000001030344
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This