Alen per Back to the Future

Libano, un team che fa “miracoli”

16 aprile, 2018

Alen è la coordinatrice di Terre des Hommes di uno dei 19 centri educativi creati in Libano, assieme a War Child Holland, Avsi e Terre des Hommes Olanda, per il progetto Back to the Future.

I suoi occhi brillano quando parla del suo lavoro: “Tutti i bambini hanno diritto a crescere in un ambiente protetto e a sviluppare le proprie potenzialità. E questo vale anche per i bambini siriani che si sono rifugiati qui con le loro famiglie”, dice Alen. “Conosco bene il problema. Sono nata quando il Libano era ancora in guerra, 30 anni fa, ho iniziato a lavorare 12 anni fa e dopo poco ci sono stati attacchi a Israele nella parte meridionale del nostro paese. Insomma, siamo in un’area di conflitto e questo mi rende ancora più sensibile alle ingiustizie. Non riesco a girare la testa dall’altra parte quando vedo un uomo anziano in piedi sull’autobus, devo aiutarlo, fosse anche a tenergli le buste della spesa!

Inizialmente Alen ha lavorato occupandosi di formazione e consulenza alle donne in prigione, poi è diventata assistente sociale per le famiglie in difficoltà. Queste esperienze lavorative sono state utili al momento di iniziare l’attuale lavoro di coordinatrice, perché conosce bene i problemi delle famiglie siriane. “La mia vittoria più bella? Aver visto parlare una ragazzina di 15 anni che i genitori ritenevano muta. Dopo aver frequentato il nostro centro per due settimane a un certo punto si è messa a parlare: nessuno se lo aspettava. Ci è sembrato un vero miracolo! Evidentemente, qui si è sentita sicura e protetta e si è sbloccata”.

Un’altra persona molto importante per i bambini del progetto è Adel, che guida il pulmino che porta al nostro centro educativo di Qoubbei gli alunni siriani e libanesi. Se non ci fosse questo servizio molti di loro non riuscirebbero a frequentarlo, perché troppo lontani da dove vivono. Adel conosce le strade di Qoubbei, un centro abitato circondato dalle campagne ad Est della capitale Beirut, meglio di chiunque altro. Sono 30 anni che lavora come autista e quando la scorsa estate ha saputo che il progetto stava cercando un guidatore per lo scuolabus ha risposto subito. Dice: “Qui rispettiamo chiunque venga a vivere in pace. E’ la nostra qualità più grande. E spero che i bambini e le loro famiglie in fuga dalla guerra trovino qui la pace. Per questo sono felice di fare questo mestiere e accompagnare i bambini a studiare. L’istruzione è importante”.

Il progetto Back to the Future iniziato nel 2017 da Terre des Hommes, AVSI e War Child Holland e cofinanziato dal Fondo europeo Madad è nato per assicurare il diritto all’istruzione dei bambini rifugiati siriani e dei bambini libanesi e giordani in difficoltà, offrendo un sostegno educativo ai bambini con l’obiettivo di farli integrare nel sistema scolastico del paese d’accoglienza. In Libano a beneficiare del progetto saranno quasi 19.000 bambini, mentre in Giordania saranno 13.600.

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This