foto libano

Un amore di maestra

9 marzo, 2020

In tempi di chiusura delle scuole per l’emergenza Coronavirus è bello poter raccontare una storia di impegno didattico verso i bambini che sono stati privati della scuola dal conflitto siriano che dura ormai da 9 anni.

La protagonista è Hiba, una maestra libanese di Sidone entrata nel team del progetto Back To The Future 2 che Terre des Hommes porta avanti assieme ad AVSI e War Child Holland per riportare a scuola più di 5.000 bambini siriani e libanesi grazie al Fondo Madad dell’Unione Europea. Hiba è diventata insegnante dopo aver studiato a Jeddah, in Arabia Saudita e oggi la incontriamo in occasione della Giornata Nazionale dell’Insegnante in Libano nel centro educativo Moasat di Sidone, gestito da AVSI.

In genere mi trovo a insegnare a bimbi molto piccoli, che non hanno mai messo piede in una scuola”, racconta. “Quando inizio una lezione spiego rapidamente cosa impareranno e come loro dovranno farmi capire cosa hanno imparato. Alterno il lavoro individuale a quello di gruppo, perché è il modo migliore per aumentare la loro autostima e la capacità di apprendere”. I bambini a cui insegna non sono solo siriani, ma anche libanesi perciò è importante che imparino a stare insieme e a fidarsi l’uno dell’altro. “La principale dote di un insegnante è quella di rendere i propri studenti consapevoli delle loro potenzialità, di far capire loro che la scuola non è una prigione ma un ambiente sicuro per apprendere e giocare insieme”.

Purtroppo non tutti gli studenti sono disciplinati: alcuni di loro disturbano in classe, a volte persino gli altri alunni non riescono a fare i loro compiti a causa del loro comportamento. “In questi casi cosa si fa?” chiediamo a Hiba. “Ogni bambino ha la sua personalità e la sua storia, ma tutti devono essere trattati in modo uguale”, spiega. “Secondo la mia esperienza all’inizio bisogna ignorare quelli con un carattere difficile, altrimenti si sentiranno subito i re della classe. Dopo bisogna farli calmare, parlare con loro al termine delle lezioni per far capire loro dove sbagliano. A volte si aprono e raccontano dei momenti di difficoltà che vivono a casa. Io li incoraggio a superare i problemi e a trascorrere del tempo di qualità con i nuovi amici in classe“.

Grazie al progetto Back To the Future Hiba e le sue colleghe stanno migliorando gli ambienti scolastici facendosi aiutare anche dagli alunni. “Studiare in un ambiente ben arredato e decorato fa piacere a tutti, a partire dai bambini che così sentiranno di più la scuola come qualcosa di loro”. Per chiudere chiediamo a Hiba se, dopo 11 anni di insegnamento, è ancora felice di fare questo mestiere. “Non è solo un mestiere, è la mia vocazione. Amo vedere come ogni giorno i miei studenti diventano sempre più grandi e, quando finiscono il nostro ciclo, come vanno via più felici e forti di quando erano arrivati. E’ la ricompensa più grande per me!

Lara Rabah, Responsabile Comunicazione progetto Back to the Future

#BackToTheFuture
#EducationForAll #EUTF4Syria #EU4Youth #EUMadad #EUMadadFund

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This