i bambini di Beira

I bambini di Beira, Mozambico

17 luglio, 2019

 

Dona Ora
 

Avevamo preso degli impegni con i nostri sostenitori e li abbiamo mantenuti. Dopo il ciclone Idai, che ha sconvolto molte delle aree del Mozambico dove siamo presenti, ci siamo dedicati a portare un aiuto concreto e immediato alle vittime, soprattutto ai bambini attraverso la ricostruzione di scuole e l’allestimento di Case del Sole temporanee all’interno delle tende nei campi profughi.
Qui abbiamo assicurato ai bambini la prosecuzione delle attività scolastiche, ma anche momenti di gioco e socializzazione che li hanno aiutati a superare il trauma.

es-guterresUn lavoro che il 12 luglio ha ricevuto un riconoscimento eccezionale con la visita del Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, alla nostra Casa del Sole del campo di Mandruzi, nella provincia si Sofala.

Guterres si è fermato a parlare con alcuni dei membri della nostra equipe (composta in tutto da 2 psicologhe, 4 operatori sociali e 4 educatori) e a giocare con una folta rappresentanza dei 721 bambini che ogni giorno beneficiano del nostro sostegno.

Un segnale importante per noi che ci spinge a continuare con ancora più sforzo nel nostro lavoro di ricostruzione.

Prossimi obiettivi:

ricostruire una scuola a Beira, dove abbiamo moltissimi dei bambini in Sostegno a Distanza;

garantire la continuità alle attività nei campi fino a quando non sarà possibile per le famiglie fare ritorno alle proprie abitazioni

Obiettivi ambiziosi e concreti per cui abbiamo bisogno del vostro preziosissimo aiuto!
Grazie di cuore!

 
 

Se vuoi aiutare anche tu fai una donazione


 

IMG_8543
IMG_8545
IMG_8564
IMG_8576
IMG_8578
IMG_8582
662f1eab-bc0d-45aa-8c08-7e37f1be0ce4
aa5e390d-eafd-48f8-8e03-878f65c6a458
f192f44a-3a07-4054-ab2f-b6f9ee9214bc
a1605d64-61cb-4ca6-bb24-6c1e87c2e919
fd2348c7-8058-44f4-bf2e-6f7ffb1f06de
2_tendas Samora Machel Dondo
4_distribuiçao alimentar

 

La lettera di Sofia Palandri del 27 marzo 2019

Carissimi,
vi scrivo appena tornata da Beira per mettervi a parte della grave emergenza umanitaria che si sta vivendo in quella parte del Mozambico.
Vedere i servizi alla tv o sul giornale non dà la reale dimensione della catastrofe che si è abbattuta con il ciclone Idai nei giorni 14 e 15 marzo. I nostri bambini – quelli che da tanti anni aiutiamo ad andare a scuola – ci stanno raccontando di una furia della natura che, mentre flagellava Beira e le zone circostanti, sembrava non finire più. Il 99% delle case dove vivevano, abitazioni precarie con tetti di zinco, sono state scoperchiate e distrutte in brevissimo tempo. Ma anche tante altre costruzioni, apparentemente più robuste, hanno avuto grossi danni e trascinato con sé molte vite umane.

Una delle tragedie più gravi è avvenuta nell’ospedale provinciale dove sono morti 5 neonati che erano ricoverati nel reparto di maternità a causa del cedimento del tetto e altri 160 pazienti hanno perso la vita a causa de macchinari che si sono spenti per la mancanza di energia e la caduta della struttura.
Paradossalmente ha tenuto il Grand Hotel Beira, un edificio costruito nei primi anni ’50 del secolo scorso, che al tempo della sua inaugurazione era considerato il più lussuoso dell’Africa meridionale e che è stato depredato fino a diventare un rudere dove da anni hanno trovato riparo molte famiglie povere. Lì abitano una ventina dei bambini sostenuti a distanza, grazie a Dio sono tutti salvi!
 

PHOTO-2019-03-26-20-16-31
PHOTO-2019-03-26-20-16-31 (1)
PHOTO-2019-03-26-20-16-33
PHOTO-2019-03-26-17-19-21
PHOTO-2019-03-26-17-15-58
PHOTO-2019-03-26-17-16-00
PHOTO-2019-03-26-17-16-44
PHOTO-2019-03-26-17-16-47
PHOTO-2019-03-26-17-16-50
PHOTO-2019-03-26-17-16-53
PHOTO-2019-03-26-17-17-03
PHOTO-2019-03-26-20-15-42
PHOTO-2019-03-26-20-16-30
PHOTO-2019-03-26-20-16-32
PHOTO-2019-03-26-20-16-33 (1)
PHOTO-2019-03-26-20-17-22
PHOTO-2019-03-26-20-17-24 (1)
PHOTO-2019-03-26-20-17-24
PHOTO-2019-03-26-20-19-26
PHOTO-2019-03-26-20-12-13
PHOTO-2019-03-26-20-12-15
PHOTO-2019-03-26-20-12-16
PHOTO-2019-03-26-20-12-18
PHOTO-2019-03-26-20-15-40
PHOTO-2019-03-26-20-15-41 (1)
PHOTO-2019-03-26-20-15-41
PHOTO-2019-03-26-20-12-12
5215f1c0-deba-40ec-aadf-e44bf0f9e0c2
64894e27-7e80-403b-a0a9-22f857430b92
e53dbd8d-0035-4d17-b407-8d3201c9beee
IMG_6955
IMG_6958
IMG_6959
IMG_6961
IMG_6962
IMG_6963
IMG_6966
IMG_6968
IMG_6971
IMG_6972

 
Al momento non c’è elettricità né acqua corrente e la gente che non ha i soldi per comprare l’acqua in bottiglia ricorre a fonti non sicure o addirittura alle pozzanghere, tanto che si teme un’epidemia di colera che potrebbe fare addirittura più vittime del ciclone.

Con il miglioramento del tempo partiranno i nostri aiuti umanitari. Vogliamo aiutare le famiglie dei bambini inclusi nel programma di sostegno a distanza a riparare le loro abitazioni e ritornare alla normalità, quindi distribuiremo materiali di costruzione e attrezzi più qualche utensile da cucina e cibo per un mese, compresi riso, farina di mais, fagioli, olio, sale e zucchero. Al contempo ripeteremo la distribuzione dei kit scolastici ai bambini, perché sappiamo che molti di loro li hanno persi a causa del ciclone.

In due distretti, quelli di Dondo e Beira, costruiremo delle piccole “Case del Sole”, ovvero degli spazi a misura di bambino situati vicino i campi sfollati. In questi centri i bambini e i ragazzi rimasti senza un tetto con le loro famiglie potranno ritrovare un po’ della loro vita prima del ciclone grazie alle attività ricreative e socio-educative, e all’assistenza psicosociale offerta dai nostri operatori. Tutto questo sarà possibile se continuerete a sostenerci anche nei prossimi mesi, una catastrofe così purtroppo non può essere cancellata in breve tempo, ma vogliamo fare di tutto perché ritorni il sorriso sul viso dei bambini del Mozambico.

Sofia Palandri, Delegata di Terre des Hommes in Mozambico

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This