© Unicef Nigeria

Nigeria, sempre più bambine usate come bombe umane

25 agosto, 2017

Sempre più spesso Boko Haram utilizza minori, in modo particolare bambine, come bombe umane. Sono ben 83 i casi censiti da Unicef dall’inizio del 2017 a oggi, un aumento esponenziale rispetto all’anno precedente quando gli episodi registrati furono 19. Nella maggior parte dei casi, l’ordigno esplosivo è stato piazzato addosso a delle bambine (55), molte delle quali hanno meno di 15 anni. “Unicef è molto preoccupata per lo spaventoso aumento dell’uso – crudele e deliberato- di minori, soprattutto bambine, nel Nord-Est della Nigeria”, si legge in un comunicato dell’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia. “L’uso di minori, in modo particolare di bambine, come bombe umane è diventato uno degli elementi più preoccupanti del conflitto”, sottolinea Doune Porter di Unicef Nigeria.

“Il coinvolgimento dei minori è un’atrocità”, prosegue Unicef. Boko Haram (il gruppo terrorista responsabile, tra l’altro, del rapimento delle studentesse di Chibok) non ha sempre rivendicato la responsabilità di questi attacchi che colpiscono soprattutto la popolazione civile.

“Bambini vittime, non colpevoli”

“In molti casi questi bambini non sanno che stanno trasportando l’esplosivo”, spiega Doune Porter, che sottolinea come questi bambini vengano indottrinati a tal punto da non poter decidere autonomamente di tirarsi indietro, anche quando sanno di portare su di sè un ordigno. “Tuttavia è importante precisare che questi bambini sono vittime, non colpevoli. Inoltre l’utilizzo di minori per compiere questi attentati ha creato un’atmosfera di paura e sospetto nei confronti dei più piccoli. Al punto che alcune comunità iniziano a vedere i bambini come una minaccia”, conclude Porter.

L’uso dei bambini come strumento di guerra pregiudica il complesso e delicato processo di reinserimento per quei bambini, quelle ragazze e quelle donne che sono riusciti a fuggire dalla foresta di Sambisa o sono stati liberati dall’esercito nigeriano. “Come risultato, molti bambini che sono riusciti a scappare dalla prigionia devono affrontare un rifiuto nel momento in cui cercano di reintegrarsi nelle loro comunità, aggravando le loro sofferenze”, commenta Unicef.

Donne usate come bombe umane da Boko Haram

Quando non fa ricorso ai bambini, Boko Harm utilizza le donne come “bombe umane” per colpire obiettivi civili e fare stragi nei mercati e nelle strade del Nord-Est della Nigeria. Dal 2011 a oggi –secondo le stime del Combating Terrorism Center dell’accademia di West Point- i miliziani islamisti hanno portato a termine 338 attacchi di questo tipo. In 244 casi a portare la bomba era una donna. Inoltre Boko Haram è stato il primo gruppo terroristico nella storia a compiere attentati suicidi “usando più donne che uomini, ed è all’avanguardia nell’uso dei bambini”.

I terroristi usano donne e bambini perché sanno che ci sono minori probabilità che vengano fermati e perquisiti dalle autorità. Inoltre possono nascondere più facilmente gli ordigni sotto gli abiti o all’interno di borse. I ricercatori hanno evidenziato anche come queste due categorie siano più facili da “piegare” agli scopi dei terroristi (attraverso violenze, minacce, lavaggio del cervello o false promesse).

 

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This