Credit: Steve Gumaer

Bambine Rohingya da profughe a baby spose

24 maggio, 2017

Nei Paesi più poveri, guerre, persecuzioni e catastrofi ambientali, hanno effetti drammatici sulla vita delle bambine. Le poche fortunate che vanno a scuola sono costrette a interrompere gli studi, devono cercarsi un lavoro. Molte famiglie decidono di combinare un matrimonio, nell’illusione di garantire alle figlie maggiore sicurezza. E parallelamente cresce il rischio che le giovani superstiti a queste tragedie diventino vittime di tratta.

Abbiamo raccontato spesso quello che succede in Siria e nei Paesi limitrofi a causa della guerra civile. Una situazione che si ripete in maniera molto simile anche nel Sud-Est asiatico dove più della metà delle ragazzine Rohingya che sono fuggite dal Myanmar a seguito delle violenze nella regione sono diventate baby spose. La denuncia viene da un rapporto delle Nazioni Unite ripreso dall’agenzia Reuters.

Rohingya, popolo in fuga

Della storia e delle violazioni dei diritti ai danni della minoranza musulmana dei Rohingya – purtroppo – si parla poco su media occidentali. Questo popolo vive da decenni una storia fatta di discriminazioni, che ha avuto il suo apice durante la giunta militare. In base a una legge sulla concessione della cittadinanza del 1982, ad esempio, i Rohingya non possono prendere la cittadinanza birmana. Mentre i governi successivi sono stati accusati di aver fomentato rivolte violente contro le minoranze etniche, tra cui i Rohingya e i cinesi musulmani.
Nel 2012 si sono riaccese le tensioni tra buddisti e musulmani nello stato del Rakhine (ovest della Birmania), che hanno costretto oltre 168mila persone a lasciare le proprie case. Tra queste, un numero sempre più elevato di donne e ragazze, secondo quanto denuncia l’Unhcr.

Tra le ragazze in fuga, il 60% si è sposata prima dei 18 anni

Una ricerca condotta dall’organizzazione delle Nazioni Unite per i rifugiati su un campione di 85 donne e ragazze Rohingya evidenzia come il 60% di queste si sia sposata prima dei 18 anni. Tutte erano molto giovani quando sono diventate madri la prima volta: l’età media del primo parto è di 18 anni. Inoltre, un terzo del campione intervistato ha dichiarato di essere vittima di violenza domestica.
A preoccupare i rappresentanti delle Nazioni Unite c’è anche il rischio che le ragazze Rohingya in fuga dalle persecuzioni diventino vittima di tratta e sfruttamento sessuale. Secondo le stime dell’Unhcr, ci sarebbero circa 8mila ragazze di etnia Rohingya tra i 14 e i 34 anni nei campi profughi in India, Indonesia e Malesia.

Trafficanti in azione

L’agenzia della Thompson Reuters foundation ha raccolto la storia di una di queste giovanissime. La ragazzina – di cui non viene pubblicato il nome- racconta di aver perso i contatti con la famiglia mentre cercava di raggiungere la Malesia. Catturata dai trafficanti, è stata imprigionata per settimane in un campo nella giungla al confine tra Thailandia e Malesia con altre dozzine di giovani prigioniere.
È stata liberata solo per essere venduta a un uomo appartenente alla sua stessa comunità che cercava una moglie. La baby sposa aveva solo 12 anni al momento delle nozze, il marito dieci anni più di lei.

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This