aiuto diretto all'infanzia in difficoltà, senza discriminazioni di ordine politico, razziale o religioso
home > I progetti nel mondo > Nicaragua 21.02.2017 martedì / 3.51

Nicaragua

Progetto socio-educativo

Managua – Mercado Mayoreo

Da bambini lavoratori a scolari, per una tutela dell’infanzia più disagiata

Dal 2000 Terre des hommes Italia collabora con INPRHU (Instituto de Promoción Humana) per migliorare le condizioni di vita dei bambini che abitano nelle baraccopoli attorno al mercato ortofrutticolo all’ingrosso della capitale nicaraguense. In questa zona infatti si sono insediate molte famiglie emigrate dalle campagne che sopravvivono per lo più con il piccolo commercio legato al mercato. Un ruolo importante in questa attività di fatto l’hanno proprio i bambini, che molto frequentemente, anche in tenerissima età, lavorano molte ore al giorno recuperando la frutta e verdura considerata invendibile dai commercianti, per poi rivenderla agli acquirenti meno esigenti.
La povertà in cui versano queste famiglie fa sì che i loro figli siano esclusi dai sistemi scolastico e sanitario. Dal 2000 ad oggi molti passi in avanti sono stati fatti grazie al contributo di molti sostenitori a distanza. Una prima tappa del progetto ha visto la costruzione di un centro ricreativo all’interno del mercato stesso, messo a disposizione dalla Federazione dei commercianti del Mercato Mayoreo, dove i bambini lavoratori potessero, almeno per qualche ora, giocare e partecipare ad attività didattiche. Grazie a un contributo dell’UNICEF su fondi della Cooperazione Italiana, è stata parallelamente svolta un’analisi sulla condizione socioeconomica delle loro famiglie per realizzare azioni mirate a migliorare la loro consapevolezza dei diritti dei minori. Raggiunto un numero consistente di famiglie sensibilizzate, e quindi potendo contare sulla loro partecipazione attiva, si è costruita come seconda tappa del progetto, al confine del mercato la Scuola elementare Reinaldo Antonio Téfel, nella quale ad oggi sono integrati 300 bambini all’anno che possono ora frequentare il ciclo completo della scuola primaria.

Con il sostegno della Fabbrica del Sorriso, a partire dal 2006, è stato poi possibile aprire due centri prescolari e una mensa per un centinaio di bambini, i quali adesso beneficiano anche di attrezzature sportive e di un dispensario medico e dentistico e che completano il ciclo dei servizi offerti a quest’infanzia marginalizzata.

Per gli adolescenti sono in attivazione dei corsi professionali per assicurare loro un futuro lavorativo più adeguato. Inoltre all’interno del mercato è stata inaugurata la sede della Rete Sociale di Bambini e Adolescenti Lavoratori, un’associazione di bambini creata per sensibilizzare e promuovere i diritti primari (vita, salute e istruzione) presso i nuovi piccoli frequentatori del Mayoreo. In questo contesto si situa anche l’iscrizione all’anagrafe dei minori non registrati, pratica purtroppo ancora poco diffusa, ma indispensabile per assicurare loro in futuro l’esercizio dei diritti civili.

Progetto socio-economico ed educativo

Provincia di Masaya



Meno di un dollaro al giorno: questo è il reddito medio delle campagne di Masaya, un distretto stretto tra i laghi Managua e Nicaragua. Gli interventi di Terre des hommes Italia in questa zona hanno l'obiettivo di soddisfare le necessità sociali di base, come sanità ed educazione dei bambini. Parallelamente vengono promosse attività di formazione e di sviluppo di micro-attività economiche a favore delle famiglie più povere.
Dal settembre del 2005, anche grazie a un finanziamento della Direzione generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri Italiano, si è dato particolare impulso allo sviluppo delle potenzialità economiche del distretto assistendo oltre 250 famiglie in attività agricole e vivaistiche, allevamento, artigianato, servizi e commercio. Parte del progetto riguarda specificamente la formazione professionale dei giovani, che ricevono una preparazione tecnica in agricoltura, allevamento o artigianato, soprattutto per la fabbricazione di amache, un prodotto tradizionale della zona molto apprezzato anche all'estero. A settembre 2006 è stato inaugurato il nuovo Centro Servizi per l'agricoltura e l'artigianato realizzato da TDH-I che viene gestito in collaborazione con la Municipalità di Masaya.
Per quel che riguarda l'aspetto educativo, dopo la ristrutturazione di 5 scuole negli anni scorsi, il progetto al momento assiste oltre 1.500 bambini, parte dei quali sono sostenuti a distanza. A tutti viene assicurata la frequenza a scuola, la fornitura di kit didattici, attività ricreative e doposcuola. In un solo anno il tasso d'abbandono scolastico è sceso del 63%. I bambini beneficiano anche di assistenza sanitaria per le cure mediche di base e lo screening per l'anemia da malnutrizione.

Progetto socio-educativo

Los Guatuzos - provincia di Río San Juan

A scuola nella foresta tropicale


Nella stretta fascia tra il Lago Nicaragua e la frontiera Nord del Costa Rica si trova la Riserva della Biosfera di Los Guatuzos, dove Tdh opera da alcuni anni a sostegno di 8 comunità rurali che vivono in una situazione di povertà estrema, senza elettricità e accesso ai servizi essenziali minimi.
Se infatti la difficoltà di accesso alla zona ha da un lato preservato l'ambiente, dall'altro ha scoraggiato maestri e medici a stabilirsi lì. Prima dell'avvio del progetto nell’area esistevano solo due piccole scuole fatiscenti ormai inutilizzate e nessun dispensario medico.
Attraverso i finanziamenti del sostegno a distanza di oltre 160 bambini oggi funzionano scuole elementari in sei comunità rurali ed è stata organizzata una scuola media a distanza, che prevede lezioni nelle varie materie per un fine settimana al mese nel Centro Ecologico di Papaturro, sede del progetto di TDH Italia. Ai ragazzi si richiede poi un impegno di studio a casa, che viene valutato durante gli incontri. È stata pure migliorata l’assistenza medica, che prevede visite di un dottore ogni 45 giorni, esami clinici, esami oftalmologici e distribuzione gratuita di medicine, vitamine e ricostituenti.
Il Centro di Papaturro ospita anche un tortugario dove si proteggono le uova delle tartarughe di acqua dolce che poi vengono immesse nei vari fiumi, un mariposario (sezione di selva dove si possono ammirare moltissime specie di farfalle tropicali), un orchideario e un centro d'accoglienza per visitatori.