cs-img

Non solo gli uomini meritano un monumento

8 marzo, 2021

Per la giornata della donna, Terre des Hommes invita Milano e tutte le città d’Italia a cambiare prospettiva: è ora di guardare i nostri monumenti da un altro punto di vista, quello femminile

L’8 marzo, Terre des Hommes promuove un’iniziativa di sensibilizzazione per invitare a riflettere sul tema della parità di genere, del ruolo delle donne e delle ragazze e sulla necessità di scegliere nuovi modelli e simboli per le donne di domani. In diverse location simboliche di Milano la fondazione presenta la prima campagna di “mini” outdoor che, grazie a un gioco di prospettiva, invitano i cittadini a guardare i monumenti delle nostre città da un altro punto di vista: quello al femminile. Sarà l’occasione per rilanciare la petizione #UnaStatuaPerLeBambine e ribadire l’urgenza di proteggere donne e bambine da violenze e abusi e garantire loro diritti e opportunità.

A Milano, come nella maggior parte d’Italia, quasi tutte le statue sono dedicate a figure maschili. Eppure, la storia è piena di donne che meriterebbero un monumento. È il momento di cambiare prospettiva e Terre des Hommes invita la comunità a farlo con questa iniziativa, realizzata grazie all’idea creativa e al supporto dell’agenzia ACNE Milano – la creative collective della famiglia Deloitte. In tre luoghi simbolici della città di Milano, tre speciali billboard permettono -grazie a un gioco di prospettive- di “sostituire” visivamente le statue presenti con un’alternativa femminile. Le “mini statue” ritraggono Malala, premio Nobel, attivista e simbolo dei diritti di tutte le bambine, Nandhini, la coraggiosa 14enne indiana scappata dal suo matrimonio forzato e Rita Levi Montalcini, modello e guida per un’intera generazione di donne nella scienza. Tre personaggi femminili simbolo delle tante donne che hanno fatto la differenza nella storia e che, al pari di tanti uomini illustri, meritano di essere ricordate e celebrate nelle nostre piazze.

LA PETIZIONE

Promossa lo scorso giugno, oggi la petizione #UnaStatuaPerLeBambine ha superato le 3.000 firme ottenendo il supporto di rappresentanti delle istituzioni, locali, regionali e nazionali, personalità del mondo dello spettacolo e giornalisti, nonché l’attenzione dei social media. Con la raccolta firme che viene rilanciata oggi Terre des Hommes si rivolge al Sindaco di Milano per chiedere di dedicare una statua a tutte le bambine e ragazze, quale segno tangibile e duraturo dell’impegno della nostra comunità a proteggere le bambine dagli abusi e andare verso una società più paritaria e più giusta. Impegno che Terre des Hommes porta avanti incessantemente dal 2012 con la campagna indifesa.

Per più informazioni sulla petizione e per firmare: petizioni.terredeshommes.it

LA VOCE DELLE ISTITUZIONI

Anche rappresentanti delle istituzioni locali, nazionali ed europee hanno voluto essere presenti e sostenere l’iniziativa.

La Delegata Pari Opportunità del Comune di Milano, Daria Colombo, “Sono veramente contenta di essere qui, Terre des Hommes fa davvero un lavoro straordinario e questa è un’iniziativa straordinaria. Sono convinta che per cambiare il mondo si debba partire dalle donne e soprattutto dalle bambine, aiutando quelle in difficoltà e dando a tutte gli strumenti per essere autonome e le pari opportunità per far sentire la loro voce, i loro diritti, la loro bellezza e i loro talenti, al pari degli uomini.”

L’onorevole Lia Quartapelle: “Inserire le donne, le bambine e le ragazze nel racconto delle vie e delle piazze di Milano è un modo per cambiare prospettiva. Per vedere le cose da un altro punto di vista ed è proprio quello che serve, in questo 8 marzo così faticoso per tantissime donne italiane. Le istituzioni e tutti quanti noi dovremmo cercare di guardare le cose da un punto di vista più concreto, più legato ai problemi della quotidianità, che sono diventati tantissimi con il Covid.”
Beatrice Uguccioni, vicepresidente del Consiglio comunale di Milano: “La nostra città ha tantissime statue, pochissime dedicate alle donne, nessuna alle bambine. Questo è un impegno, che anche come comune di Milano vogliamo portare avanti. Ringrazio Terre des Hommes per questa idea ma soprattutto per quello che quotidianamente fa per le bambine e per le donne”.
Seguono le parole della Presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano, Diana De Marchi, “Sostengo Terre des Hommes in questa importantissima iniziativa. Noi, a Milano, non abbiamo statue di donne che hanno fatto grande la nostra città, il nostro Paese e il mondo. È una mancanza alla quale dobbiamo porre rimedio, lo stiamo facendo in tutti i luoghi in cui possiamo raccontare le storie delle donne. Io sono entusiasta di questa iniziativa e, a livello comunale, non solo la appoggiamo ma faremo di tutto per realizzare concretamente una statua per le bambine nella nostra città”.
“Credo che quella di Terre des Hommes sia un’iniziativa importante, bella e giusta, ed è più che opportuno rilanciarla in questa giornata che chiamiamo Festa della Donna, ma che sappiamo essere una giornata di lotta per ricordare bambine e ragazze vittime di violenza e sfruttamento.” Questo il messaggio dell’eurodeputato Pierfrancesco Majorino in piazza con Terre des Hommes.

I DATI

Milioni di bambine sono ogni giorno vittime di abusi, discriminazioni di genere e sfruttamento e vedono i loro diritti calpestati da una società con retaggi patriarcali ancora duri a scomparire.
In Italia nel 2019 sono state quasi 900 le bambine e ragazze vittime del reato di violenza sessuale e violenza sessuale aggravata.
Il divario di genere è evidente e preoccupante nell’ambito educativo: nel nostro paese, la percentuale di NEET tra le ragazze è del 33,2%, (mentre tra i ragazzi è del 22,5%) e la didattica a distanza adottata durante il covid aumenta ancora di più il rischio di abbandono scolastico, in particolare per la popolazione femminile. Per quanto riguarda la formazione universitaria, nell’ambito delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) solo 1 studente su 4 è donna.

Anche i dati dell’Osservatorio indifesa. 2020, attraverso cui ogni anno dal 2014 Terre des Hommes e ScuolaZoo raccolgono le opinioni e le esperienze di ragazzi e ragazze in Italia sui temi di bullismo, cyberbullismo, parità di genere e discriminazioni, confermano, come sia ancora tanto il lavoro da fare e quanto sia necessario incentivare l’adozione di nuovi modelli femminili a cui ispirarsi.
Il 56% delle ragazze intervistate pensa che la struttura della nostra società, considerata troppo chiusa e vecchia, possa limitare le loro ambizioni e il loro sogni per il futuro e il 54% pensa di essere ostacolata da pregiudizi. Ragazzi e ragazze concordano sul fatto che troppe poche ragazze si iscrivano a facoltà STEM perché nel mondo della scienza prevalgono modelli maschili e mancano dei modelli femminili nei quali immedesimarsi (42%) e che queste università preparano ad un tipo di lavoro dove gli uomini sono trattati e considerati meglio delle donne (36%).
Per i partecipanti all’osservatorio la forma di discriminazione peggiore subita dalle donne è la molestia o violenza sessuale (54%) al secondo posto, con uno scarto notevole, il mancato riconoscimento delle proprie capacità (19%) e la discriminazione economica (13%). Il luogo di lavoro è al primo posto come luogo dove si manifestano le discriminazioni di genere (lo pensa il 66%), e l’87% di ragazzi e ragazze pensano che a parità di incarico e mansione non corrisponda pari stipendio per uomini e donne.
“Le conseguenze sociali ed economiche della pandemia stanno colpendo in tutto il mondo, così come in Italia soprattutto, donne ragazze e bambine. Mai come adesso è necessario lavorare insieme alle istituzioni per quella che da troppo tempo è un’urgenza nel nostro paese: garantire alle donne di oggi e di domani più diritti e parità.” Afferma Paolo Ferrara direttore generale di Terre des Hommes “Non vogliamo sostituire le statue attuali, ma offrire a milanesi e a tutti gli italiani un nuovo punto di vista. Speriamo che il messaggio lanciato oggi riesca a raggiungere più persone possibili per stimolare una riflessione costruttiva sulla necessità di proporre nuovi modelli e nuovi simboli, come quelli che abbiamo proposto temporaneamente con questa iniziativa, che siano moniti per l’intero Paese, che siano ispirazione per un futuro all’altezza dei loro sogni.”

“La creatività è utile ogni volta che fa guardare alle cose da un punto di vista diverso e inaspettato” dichiara Emanuele Viora, Executive Creative Director di Acne Milano “questo è il nostro modo di comunicare e il nostro regalo alla città che ci ospita”.

LA CAMPAGNA indifesa

Dal 2012, con la campagna indifesa, Terre des Hommes è l’organizzazione leader nella protezione dei diritti delle bambine e delle ragazze in tutto il mondo, per garantire loro istruzione, salute e protezione da ogni forma di violenza, discriminazione e abuso e offrire migliori opportunità per il loro futuro.
Implementa azioni e progetti concreti per stimolare parità di genere, empowerment femminile e generazionale e ridurre le disuguaglianze, investendo su istruzione, formazione, valorizzazione del talento, ma anche sulla partecipazione e il protagonismo delle nuove generazioni.
Sostengono la campagna indifesa BIC®, BIC Foundation, MainAD, Valvorobica, Fondazione Zanetti, Douglas.

Credits:
L’iniziativa è stata realizzata grazie all’idea creativa e al supporto dell’Agenzia ACNE Milano
Executive creative directors: Emanuele Viora, Andrea Jaccarino
Manager: Fabrizio Marvulli
Head of social media: Sabrina Santoro
Art Director: Anna Clara Fanesi
Copywriter: Marco Tomirotti
Account: Paula Galic

alla produzione di OLYMPIQUE
Director: Filippo Castellano
Executive producer: Tommaso Fajdiga
Producer: Silvia Fazio
Junior producer: Elisabetta Zecca
Set designer: Benedetta Brentan
Costruttore: Sergio Porta
e dei digital sculptors: Giovanni Mauro, Roberto Digiglio, Camilla Grassotto

About ACNE
ACNE è un creative collective nato nel 1996 ed entrato nella famiglia Deloitte nel 2017 per riunire sotto lo stesso tetto creatività e consulenza. La nostra vision: Creativity for changing business. Per informazioni: acnemilan.com

Per maggiori informazioni contattare:
Terre des Hommes Italia
Anna Bianchi, Ufficio Stampa Terre des Hommes Italia, a.bianchi@tdhitaly.org; +39 3341691927

Comments

comments

Terre des Hommes Italia ONLUS

Via M. M. Boiardo 6 - 20127 Milano
Codice fiscale: 97149300150
Banca Monte dei Paschi di Siena Ag. 34 MI
IBAN IT37E0103001633000063232384
Tel +39 02 28970418
Fax +39 02 26113971
info@tdhitaly.org
Latte creative

Pin It on Pinterest

Share This