Quando scuola vuol dire felicità

Rabih e Maysa sono due fratelli siriani che hanno perso il papà da piccoli. Mancando uno dei pilastri della famiglia, la madre era preoccupata che i due bambini sarebbero stati privati di molte opportunità, compresa quella di ricevere un’istruzione.

Quando frequentavano le elementari in Siria non mostravano molto interesse nella scuola. Secondo la madre i bambini si sentivano insicuri per la morte del padre, specialmente Rabih che scappava spesso da scuola per stare vicino alla madre.

Rabih ora ha 14 anni e aspira a diventare uno chefMaysa ha due anni di meno e sogna di diventare la direttrice di una scuola. Nel 2014 la famiglia è scappata in Libano, ad Arsal, a causa del conflitto e ha passato momenti molto difficili, tanto che i bambini non hanno potuto frequentare la scuola per diversi anni

Dall’aprile 2021 il progetto “Back to the Future” sta dando una possibilità a Maysa e Rabih di poter avere un’istruzione, iniziando a ricevere lezioni di alfabetizzazione di base e aritmetica. Dato che non è ancora possibile tornare in classe a causa della pandemia, i bambini stanno ricevendo le loro lezioni usando il cellulare della madre con uno speciale pacchetto di traffico internet fornito dal progetto.

In pochi mesi i fratelli hanno iniziato a riconoscere e leggere tutte le lettere. Anche la pronuncia e la capacità di scrittura sono migliorate. Hanno mostrato il desiderio di imparare e spesso esprimono la loro felicità nel partecipare al programma. Secondo il loro insegnante, entrambi i bambini stanno mostrando molti progressi e un visibile aumento del loro livello di motivazione. Ora sono studenti entusiasti che partecipano alle lezioni e presentano i loro compiti senza alcun ritardo.

La loro madre ha espresso il suo orgoglio per come i suoi figli stanno progredendo dicendo: “Quando un padre muore, la madre teme che i suoi figli diventino deboli e vengano privati dei loro diritti, ma adesso sono così felice e orgogliosa di vedere Maysa e Rabih forti, motivati e che cercano volentieri di seguire le loro lezioni“.

Back to the Future (Ritorno al Futuro) è un progetto finanziato dal Fondo Fiduciario Regionale dell’Unione Europea in risposta alla crisi siriana (Fondo MADAD) che promuove l’iscrizione all’istruzione formale e ne migliora il mantenimento per oltre 16.955 bambini rifugiati siriani e bambini vulnerabili delle comunità locali. Potenzia anche l’ambiente di apprendimento, migliorando gli edifici scolastici. Il progetto sostiene attività formali e non formali per bambini in età prescolare e scolare e viene implementato in tutto il Libano nell’arco di due anni (2019-2021) da un consorzio composto da 3 ong: oltre a Terre des Hommes, AVSI e War Child Holland.

#BackToTheFuture
#EducationForAll #EUMadadFund
#DistantBlendedLearning
#EUTF

condividi con i tuoi amici

Leggi le storie